27 Luglio 2017
  • immagine di testa
  • immagine di testa
  • immagine di testa
  • immagine di testa
  • immagine di testa
  • immagine di testa
  • immagine di testa


Progetti

Vita per i bambini Afar

Progetti da realizzare
Localizzazione: Dancalia Eritrea

Partner: Congregazione Figlie di Sant'Anna - Assab
Associazione Lasalliana Ex Alunni Collegio San Giuseppe-Roma

Obiettivo generale: ridurre la mortalità infantile causata dalla malnutrizione e migliorare le prospettive di vita nei villaggi della Dancalia

Obiettivo specifico: miglioramento delle condizioni sanitarie dei bambini attraverso la realizzazione di un programma di integrazione alimentare nei 10 villaggi della Dancalia.

Il progetto "Vita per i bambini Afar", in collaborazione con le Figlie di S. Anna FSA (partner locale che opera in Eritrea da 130 anni) ha l'obiettivo di migliorare le condizioni socio-sanitarie realizzando un programma di integrazione alimentare per i bambini, in 10 villaggi della Dancalia. La Congregazione gestisce un ambulatorio ad Abo, uno dei 10 villaggi della Dancalia, dove si prendono cura dei bambini soggetti a malnutrizione acuta. Nell'ambulatorio si prestano diversi servizi sanitari tra cui il pronto soccorso, controllo peso dei bambini e lotta alla malnutrizione, vaccinazioni, visite e assistenza alle partorienti e ai malati, distribuzione di aiuti alimentari. Esso è considerato il punto di riferimento per tutti i villaggi circostanti e per circa 5.500 persone. I villaggi sono: Harsile, Asbelu, Mergabla, Garbato, Kiloma, Iseita, Asbelulailai, Ghibdo e Menkakah, alcuni distanti anche 60 km. I soggetti più colpiti dalla malnutrizione sono i bambini fino a 5 anni di età: nel 2014, ad Abo, sono stati sottoposti ad un programma di alimentazione bilanciata per un numero di mesi sufficienti a recuperare un peso accettabile 364 bambini, dei quali 360 hanno recuperato peso e sono stati dimessi entro l'anno. Nel 2015 lo screening è stato realizzato su 760 bambini, 308 dei quali sono stati trovati in gravi condizioni e hanno iniziato la terapia. Per migliorare i collegamenti dell'ambulatorio di Abo con i villaggi limitrofi bisognerà sostituire la vecchia autoambulanza con una nuova.

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]